DESIGNED BY JOOMLATD
    • Area archeologia del Quartiere Ellenistico-Romano(Agrigento)
    • Ricostruzione 3d dell'abitazione IIIA ( Quartiere ELlenistico Romano - Ag.)
 

L'architettura perduta

Sfide comuni, obiettivi condivisi

Scritto da Arch. Mariangela Riggio.

Sfide comuni, obiettivi condivisi è il motto che ha riunito ricercatori, docenti, archeologi, studiosi italiani e tunisini all'interno del Progetto APER.

L'acronimo contiene l'oggetto su cui focalizzare gli obiettivi prefissati: "Architettura Punica Ellenistica e Romana: salvaguardia e messa in valore". Il progetto è nato per iniziativa dell'Università degli Studi di Palermo, tramite il Centro di Gestione del Polo Didattico di Agrigento e in partenariato con il Polo Universitario della Provincia di Agrigento (CUPA), con l'Institut National du Patrimoine di Tunisi e con l'Agence Nationale de Mise en Valeur du Patrimoine et de Promotion Culturelle di Tunisi, finanziato nell'ambito del Programma di Cooperazione Transfrontaliera dell'Unione Europea Italia-Tunisia 2007/2013. Ha iniziato il suo percorso nel 2013. 

Villa Genuardi ad Agrigento, nel maggio 2013 ha dato il via alle attività del progetto ospitando riunioni di lavoro, conferenze pubbliche, azioni formative rivolte ai dieci giovani ricercatori siciliani e tunisini. In questi giorni giunge a conclusione il lungo percorso di lavoro svolto su diversi ambiti, dalla ricerca, utilizzando nuovi modelli di gestione del bene archeologico per la sua conservazione e tutela, alla formazione di nuove figure con competenze specifiche e alla valorizzazione attraverso il miglioramento dell'accessibilità dei siti e l’installazione di pannelli espositivi per la promozione e comprensione degli itinerari tematici offerti ai turisti. L'impiego di nuove tecnologie per il rilievo e la fruizione dei beni archeologici ha avuto particolare attenzione all'interno del progetto APER: l'utilizzo di scanner laser 3D per il rilievo delle Domus IA IB del Quartiere Ellenistico Romano di Agrigento, dell'abitazioni puniche denominate "Casa della Cascata", nel sito archeologico di Utique e "Casa a doppio peristilio", nel sito di Kerkouane; quindi la realizzazione di contenuti multimediali per i nuovi tavoli touch screen che saranno istallati nei tre citati siti archeologici, i quali forniranno una nuova e accattivante esperienza visiva di ricostruzione virtuale. La tecnologia moderna, quindi, ci aiuterà ad andare indietro nel tempo, riuscendo a interpretare le rovine di antiche case scoprendone l'aspetto di un tempo. Fiera di aver conosciuto e aver preso parte a questa importante iniziativa culturale, di aver contribuito nel mio piccolo accanto a stimati docenti  dell'Università di Palermo, vi invito a scoprire i risultati raggiunti, presto mostrati all'interno dei siti archeologici di Agrigento, Utique e Kerkouane (Tunisi).

Venerdì 28 novembre, presso i locali del Museo Archeologico Regionale Pietro Griffo, Sala Zeus (Contrada San Nicola, Agrigento) avrà luogo l'evento conclusivo del Progetto APER con la presentazione dei lavori ultimati.

 

 



 
 

Visitatori

Abbiamo 2 visitatori e nessun utente online

Cerca nel sito